Fitbit-charge2
  • Condividi questo articolo

RECENSIONE FITBIT CHARGE 2

Il Fitbit Charge 2 è uno dei fitness tracker più venduti dell’ultimo periodo, ho deciso di acquistarne uno per testarlo e comprenderne le effettive potenzialità per coloro che si allenano in sala pesi, che sia per fini estetici o prestativi.

La caratteristica che maggiormente mi ha attirato di questa smart band è la versatilità, permette infatti di tracciare un numero estremamente elevato di dati differenti, molto interessanti ed utili per coloro che voglio avere una visione chiara di come sta evolvendo il loro percorso nel mondo del fitness.

Potete vedere qui la video recensione

 

Il Fitbit Charge 2 permette di:

  • Tenere traccia delle attività quotidiane quali: passi, piani, km, kcal consumate e minuti di allenamento
  • Monitorare il battito cardiaco
  • Monitorare il sonno nelle sue varie fasi fornendo informazioni utili sulla qualità di quest’ultimo
  • Ha una funzione di riconoscimento automatico dell’allenamento
  • Promemoria di movimento
  • Avvisi di chiamata sms e calendario
  • Sessioni di respirazione guidata

 

Dopo aver elencato le principali caratteristiche di questo strumento entriamo nel dettaglio della mia esperienza personale come utilizzatore “sul campo”.

A differenza delle tipiche tech review questo braccialetto è stato sottoposto a test discretamente tassanti.

Allenamenti di Powerlifting particolarmente pesanti e voluminosi nei quali non l’ho mai rimosso e nei quali ha subito forti vibrazioni da impatto, contatto con le fascette per lo stacco, contatto frequente con magnesite, sudorazione (allenamenti in pieno agosto), è stato più volte sotto la pioggia ecc.

La durabilità del braccialetto non è da questionare, ha resistito senza alcun accenno di cedimento o fatica a tutti questi stress, con una pulizia del cinturino parrebbe appena uscito dalla scatola nonostante abbia diversi mesi di utilizzo continuativo.

Lo schermo è molto resistente chiaro limpido luminoso e pulito, estremamente leggibile e comodo.
La dimensione dello stesso è ridotta ma è adatta al ruolo ed il braccialetto ha un impatto visivo minimo che lo rende, a mio parare, estremamente comodo e neutro (se la neutralità è anche per voi un fattore positivo).
Inoltre è possibile sostituire i cinturini cambiandone colore o texture, utilizzandolo io unicamente come strumento di raccolta dati non sento la necessità di sfruttare questa caratteristica ma è positivo sapere che in caso di rottura del cinturino non sia necessario sostituire l’intero apparato.
La chiusura a fibbia permette di regolarlo molto velocemente e la chiusura è estremamente salda, a differenza di altre bande della concorrenza.
Anche questo mi ha permesso tranquillamente di allenarmi senza mai toglierlo indifferentemente dall’allenamento che stessi eseguendo.

La funzione di rilevamento automatico dell’attività sportiva è interessante, nel caso ci si dimentichi di tracciare nell’app apposita il proprio allenamento spesso e volentieri il tracker lo rileva automaticamente.

Questa funzione risulta molto più precisa per gli sport di resistenza, di fatti quando mi è capitato di correre o andare in bici il braccialetto ha immediatamente rilevato l’attività corretta, la durata e la distanza in km grazie ai dati raccolti dal cellulare, mentre nel caso di allenamento con i pesi la rilevazione risulta più imprecisa, di fatti le mie sessioni di allenamento per la forza sono sempre state rilevate come attività all’ellittica.

Anche la valutazione del consumo calorico nell’arco della giornata non è delle più precise, se avete intenzione di acquistare questo strumento per avere una stima precisa del vostro consumo calorico, nell’arco della giornata, probabilmente non è l’oggetto che fa per voi.

Mi spingo addirittura a dire che non credo esista uno strumento in vendita, per lo meno ad un prezzo accessibile, che permetta di fare una stima realistica e precisa dei propri consumi nell’arco della giornata, per fare ciò sono necessari più dati (quindi più strumenti) e la capacità di analizzarli.

Il consumo calorico mostrato dalla banda è di fatti enormemente distante da quello reale.

Il monitoraggio del battito cardiaco è abbastanza veritiero nonostante non sia molto veloce nel rilevare le variazioni del battito. Nel caso di condizione di battito relativamente costante e mantenuta nel tempo l’ho trovato più preciso di quanto mi aspettassi, le variazioni vengono però rilevate con una discreta latenza.

Non perderei troppo tempo nel discutere della funzione conta passi che hanno ormai tantissimi dispositivi tra cui anche gran parte degli smartphone moderni, la trovo discretamente precisa ed in linea con le altre periferiche provate precedentemente.

Il monitoraggio del sonno mi ha colpito particolarmente, con l’analisi delle varie fasi di sonno:

  • Leggero
  • Pesante 
  • REM
  • Veglia

 

Fornisce un analisi del sonno con obiettivi e promemoria per coricarsi, analisi delle medie settimanali e indicazioni sulle % medie delle varie fasi in funzione a sesso e dell’età.


Mi ha aiutato a comprendere l’entità dei miei disturbi del sonno e mi ha stimolato a migliorare la situazione, lo reputo quindi estremamente utile.

Alcune funzioni che non ho particolarmente apprezzato sono: 

Le sessioni di respirazione guidata le reputo assolutamente poco utili e penso che siano una caratteristica sorvolata e probabilmente mai provata da gran parte degli utilizzatori di questo oggetto.

Avvisi di chiamata, sms ecc. Li ho reputati estremamente fastidiosi poco dopo averli attivati. Per alcuni questo potrebbe essere uno strumento interessante. Se però ricevete un discreto numero di notifiche sul cellulare vi troverete la banda in uno stato di vibrazione pressoché continuo e con la durata della batteria ridotta significativamente. Che voi non volgiate distrazioni o se volete preservare più a lungo la durata della batteria consiglio di disattivare questa funzione (il che è oltretutto comodissimo da fare e basta un pulsante!).

A proposito della durata della batteria il sito dichiara una durata “fino a 5 giorni” in realtà io non sono mai arrivato a tale durata nonostante abbia disattivato le notifiche e raramente accenda lo schermo, in particolare se lo si usa come cronometro ad allenamento è molto più facile trovarsi nella condizione di doverlo caricare 2 o 3 volte a settimana, di certo una durata maggiore della batteria sarebbe ben accetta.

Qual’è quindi il verdetto su questo strumento?


Lo reputo ottimo, dovessi dargli un voto darei un 8,5/9 potrebbe essere migliorato ma ha tutto quello che cercavo ed è estremamente intuitivo e comodo.

Trovo inoltre estremamente ben fatta l’app della FitBit che innalza ulteriormente l’esperienza se combinata con l’utilizzo di altre periferiche dello stesso marchio come la FitBit Aria.

Mi permette con pochi tocchi di avere sott’occhio l’andamento della mia attività e del mio peso nel tempo con grafici medie e tutti i dati di mio interesse, consigliassimo per qualità e funzionalità per tutti gli appassionati di fitness. 


In assoluto la migliore fit band che io abbia provato ad oggi.

  • Condivi questo articolo

Filippo d'Albero

Il mio obiettivo è quello di trasmettere le conoscenze che acquisisco nel mio percorso di formazione rendendo la scienza il più comprensibile possibile per tutti.

Scopri di più

Coaching

Programmi di allenamento

SkypeCall Coaching Silver Coaching Gold Coaching Live

PROMOZIONE

120

€ di sconto

Per chi acquista 6 mesi di Coaching

Seguimi su Youtube

Guarda tutti i miei video

VEDI I VIDEO